Login

Gherardi Coltello Neptitius

Vedi tutti i prodotti di Stefano Gherardi presenti sul nostro sito
Gherardi Coltello Neptitius
Non รจ in vendita online
Codice: CLSGNEP

Descrizione

NEPTITIUS 

Una cascata di smeraldi guarnisce l'impugnatura di questa daga che si ispira al Kopis greco . Il Neptitius è una pianta cadente e gli smeraldi tagliati a forma di foglia mi hanno stimolato a creare questo lavoro.

 

                            Neptitius
                       Pianta cadente
Una cascata di verde. Questo il tema che mi ero prefissato. Partivo da un grosso smeraldo inciso del peso di 32,10 carati che avrebbe fatto da pomo all'impugnatura che avevo disegnato. Poi la fortuna mi ha fatto trovare una discreta quantità di simpaticissimi smeraldi indiani dal caratteristico taglio che dà loro la forma di foglie. Il colore era identico alla mia pietra ed ho capito che stavo aspettando proprio loro. Erano perfette per il lavoro che avevo progettato.
L'idea era che una cascata di pietre partisse dal grosso smeraldo posto sul pomo per scendere fino a raggiungere la lama che affiorava dal legno dell'impugnatura. Il nome che ho dato a questo pezzo è quello di una pianta definita cadente perchè, quando è posta in alto, invece di salire scende.
Per creare la base su cui fissare questi smeraldi ho usato la tecnica della fusione a cera persa ed ho preparato una lega di oro a 14 carati con un colore che si avvicinasse più possibile al verde delle pietre in modo da addolcire il contrasto tra loro ed il legno scuro dell'impugnatura.
Per questo pezzo mi sono liberamente ispirato al kopis greco. Un'arma molto in uso sia in Grecia che in Spagna nel periodo dell'antica Roma.  La lama provenie dall'Afghanistan ed ha una forma particolare. Infatti il dorso molto più largo della lama permette di ottenere una notevole robustezza pur rimanendo molto leggera e quindi maneggevole.
Complessivamente ho utilizzato 27 smeraldi naturali incisi per un peso totale di 70,35 carati e 76 grammi di oro a 14 carati.
Come tutti i miei lavori anche questo è un pezzo unico ed irripetibile.

                                                                     Stefano Gherardi