Login

Gherardi Coltello Daniel Boone

Vedi tutti i prodotti di Stefano Gherardi presenti sul nostro sito
Gherardi Coltello Daniel Boone
Non รจ in vendita online
Codice: CLSGDBO

Descrizione

Daniel Boone

La lama è in damasco. L'impugnatura e il fodero sono in legno di sucupira mentre il pomo, la guardia e la boccheta sono in argento guarnito con quarzi madera. Sia l'incisione sul topazio naturale che fa da pomo che quella sulle parti d'argento riproduce il disegno del damasco della lama.

 

                                   Daniel Boone                                         Esploratore americano della fine del 1700

Il mondo del Far West ha fatto da cornice alle fantasie della mia fanciullezza ed è proprio da questa mia passione che è nato il disegno del coltello che vedete.
Ne ho anche costruito uno in legno, ma data la mia giovane età (nove anni), la scarsa attrezzatura e la poca esperienza, il pezzo non era certo perfetto ma soddisfacente. A quel modello di legno mi sono ispirato (modificando un poco la forma della lama) per questo coltello che ho chiamato col nome di Daniel Boone, uno degli eroi dei miei giochi.
Per l'impugnatura ed il fodero sono rimasto affascinato da un legno che si chiama sucupira che proviene dalle foreste dell' Amazzonia. L'ho scelto principalmente per la sua bellezza ma anche perché è molto duro ed anche resistente all'umidità.
Per la lama ho usato una barra di acciaio di damasco inossidabile a circa 350 strati dal bellissimo disegno che ho sagomato fino a dargli la forma desiderata.  
Ho utilizzato argento a 925 millesimi per costruire i fornimenti e su di loro ho fatto incastonare 62 quarzi madera dal taglio sfaccettato. Notate il disegno che ho fatto eseguire dall'incassatore per fissare le pietre.
Per il pomo ho fatto tagliare un topazio naturale con forma bombata. Sia su questa pietra che sui fornimenti ho eseguito personalmente un'incisione che ricorda il disegno del damasco della lama.
Come tutte le mie creazioni si tratta di un pezzo unico ed irripetibile.

                                                                      Stefano Gherardi