Login

Gherardi Coltello Aldebaran

Vedi tutti i prodotti di Stefano Gherardi presenti sul nostro sito
Gherardi Coltello Aldebaran
Non รจ in vendita online
Codice: CLSGALD

Descrizione

Aldebaran

Uno stupendo quarzo madera fa da pomo a questo pugnale la cui linea elegante ed essenziale ci riporta a tempi passati. Il disegno classico è la principale caratteristica che contraddistingue questo pezzo.

 

                                                              Aldebaran

Stella gigante arancione della costellazione del Toro.

In passato, quando la difesa personale era un problema di ogni singolo individuo, tutti portavano con sé un coltello o un pugnale. Nel medioevo l'arma bianca acquisisce, ancor più che nel passato, anche un significato di status-symbol. Ed è pensando a questa caratteristica che ho creato questo pugnale dalla tipologia classica.
I fornimenti sono in argento 925 millesimi. Li ho costruiti col sistema della fusione a cera persa. I castoni che supportano le pietre sono in oro 850 millesimi che addolcisce il passaggio tra il colore dell'argento e quello della pietra.   
L'impugnatura è in avorio che ho scolpito fino a dargli la forma che riproduce le antiche impugnature. Infatti esse erano normalmente di legno con un laccio di cuoio avvolto intorno per migliorare la presa.
Per guarnire il pomo e la guardia ho utilizzato tre stupendi quarzi madera che ho fatto tagliare con la forma a cuscino che considero molto elegante e signorile. Sul pomo la pietra più grande pesa 10,35 carati e sui rami di guardia due più piccole dal peso totale di 7,05 carati. Un altro piccolo quarzo guarnisce il puntale del fodero. Ho costruito quest'ultimo con la tecnica simile a quella usata in passato quando i foderi si facevano di legno o metallo e venivano poi ricoperti di velluto o, come in questo caso, di pelle. Anche il puntale e la bocchetta li ho realizzati con la tecnica della fusione a cera persa.
Anche questa mia creazione è un esemplare unico ed irripetibile come tutti i miei lavori.

                                                                         Stefano Gherardi